Crea sito

Menu cellulare

Come scrivere il curriculum perfetto seconda parte

Come scrivere il curriculum perfetto seconda parte

Come scrivere il curriculum perfetto seconda parte

Come scrivere il curriculum perfetto seconda parte – foto di an.difal – CC BY-SA 2.0

Come scrivere il curriculum perfetto seconda parte

Come scrivere il curriculum perfetto seconda parte

Se questo articolo ti piace, condividilo per cortesia sui social network e metti mi piace alla nostra pagina Facebook (clicca qui).

Bentornati! Se avete letto la prima parte su come scrivere il curriculum perfetto bene, altrimenti recuperate qui la prima parte e poi tornate. E’ inutile leggere questo articolo se non avete letto la prima parte.

Dopo i consigli generali su come scrivere il curriculum perfetto, ora analizziamo ogni parte del curriculum stesso, fermo restando che dovrà essere sempre accompagnato da una lettera.

Come scrivere il curriculum perfetto seconda parte

La lunghezza del curriculum

Qual’è la lunghezza di un curriculum ? Se volete che il vostro curriculum sia letto, scrivete soltanto due pagine. Oltre i due fogli (mai stampare fronte retro!), l’esaminatore potrebbe non avere la giusta attenzione. Potete scrivere al massimo tre pagine, di cui l’ultima con informazioni generiche, come ad esempio gli interessi o le conoscenze tecniche informatiche o linguistiche. Altra cosa importante è cercare di scrivere le informazioni importanti in modo che l’esaminatore sia obbligato a leggerle e quindi vanno bene il grassetto, il sottolineato, il colore e la forma del carattere e la posizione dell’informazione, purché non si esageri. Può essere importante l’uso del colore per colpire alcuni aspetti del curriculum, ma soltanto per indicare le sezioni (ad esempio il colore arancio per la sezione delle competenze specifiche o il colore blu per la sezione di informazioni non rilevanti).

Curriculum europeo, fare curriculum vitae online o curriculum originale ?

Curriculum europeo, fare curriculum vitae online o curriculum originale ? Scegliete voi tra curriculum europeo e curriculum originale, purché il curriculum non sia troppo originale, come già descritto nella prima parte. Ad inizio pagina non scrivete mai Curriculum Vitae di … L’esaminatore sa che è un curriculum e voi potreste perdere prezioso spazio sulla pagina.

Come scrivere il curriculum perfetto seconda parte

Esempio di curriculum europeo compilato

Esempio di curriculum europeo compilato

Informazioni personali nel curriculum

Informazioni personali nel curriculum . Indicate sempre le informazioni personali nel curriculum come il vostro nome, cognome, luogo e data di nascita, indirizzo di residenza o di domicilio e lo stato civile. Banale vero ? Ma a volte qualcuno si sbaglia.

I Recapiti nel curriculum

I Recapiti nel curriculum . Ricordatevi di scrivere correttamente tutti i vostri recapiti, evitando contatti dove non è possibile raggiungervi al primo colpo, quindi nessun numero di telefono di casa, sì alla mail e al cellulare.

Evitate i profili Facebook, mentre i profili di social network specifici di lavoro sono generalmente ben apprezzati.

La Foto sul curriculum

La Foto sul curriculum . Quale foto ? Personalmente sono stato sempre contrario alla foto sul curriculum vitae, perché una opportunità di lavoro non deve basarsi su un viso carino o interessante. Se la foto viene richiesta, allora cercate di abbinare una foto a seconda della richiesta di lavoro. Evitate troppi sorrisi o sfondi con il mare, la montagna o altri scenari mozzafiato. Evitate anche un ¾ di viso, il profilo e foto troppo distanti o troppo ravvicinate, a meno che non siate delle modelle o dei modelli per un casting.

Come scrivere il curriculum perfetto seconda parte

Come scrivere il curriculum perfetto seconda parte

Come scrivere il curriculum perfetto seconda parte – Foto di Jessica – CC BY-NC 2.0

Modello curriculum vitae . Le sezioni

Modello curriculum vitae . Le sezioni

1. Le esperienze lavorative attuali e pregresse nel curriculum

Le esperienze lavorative attuali e pregresse nel curriculum . Dopo informazioni personali, recapiti e foto, che generalmente in prima seduta l’esaminatore guarda di sfuggita, si passa al curriculum vero e proprio. Qui voi entrate in scena. Se optate per il curriculum europeo la scelta è obbligata, ma se optate per un curriculum originale dovete mettere subito la vostra attuale esperienza, se non siete disoccupati, e immediatamente dopo inserite le specifiche esperienze lavorative pregresse. Perché specifiche? Perché, come già consigliato nella prima parte su come scrivere un curriculum perfetto, dovrete adattare il vostro curriculum generale alla specifica posizione di lavoro richiesta dal datore.

Inoltre cercate di dividere le esperienze lavorative in ordine cronologico e schematico, di facile visualizzazione, indicando data (che bello quando vedo il giorno preciso!) o anno di assunzione e di conclusione del rapporto di lavoro, datore e luogo di lavoro e una piccola descrizione del vostro ruolo all’interno dell’azienda (massimo una riga). Mettete in evidenza anche stage, tirocini, incarichi, eccetera, soprattutto se avete poco da scrivere, altrimenti inseriteli nella formazione.

E’ buon consiglio quello di scrivere in calce quanto di seguito: * Si fa presente che il suddetto elenco è parziale e mostra esperienze che potrebbero essere utili ai soli fini della posizione di lavoro richiesta. Questo testo fa capire che avete altre esperienze che, tuttavia, nel caso in concreto, non sono fondamentali al vostro interlocutore, ma potrà chiederveli in sede di colloquio.

2. Le competenze specifiche nel curriculum

Le competenze specifiche nel curriculum. Questa è una sezione che quasi nessuno mette e invece è basilare per la sua posizione e per il contenuto.

Spesso le esperienze lavorative portano via la prima pagina (e anche la seconda a volte) del curriculum vitae. Il fatto di inserire all’inizio della seconda pagina le competenze specifiche riguardo al lavoro richiesto è strategico, perché l’esaminatore troverà subito i contenuti particolari delle vostre conoscenze e si fermerà a leggerle. In questo caso scrivete anche i risultati raggiunti, ma siate sempre precisi.

Se il vostro curriculum è un po’ scarno perché non avete ancora esperienza, usate questa sezione per descrivere quale competenza avete acquisito durante lo studio, gli stage e i tirocini. Ogni cosa è importante e sta a voi solleticare l’esaminatore con argomenti che possano aiutare l’impresa. Dovete sempre immaginare quale è l’obiettivo dell’azienda, aiutandovi magari anche con ricerche in Rete o chiedendo informazioni ad amici e parenti.

3. La formazione specifica nel curriculum

La formazione specifica nel curriculum . Subito dopo le competenze specifiche potete inserire la formazione specifica, se presente, sul lavoro richiesto. E quindi, sempre in ordine schematico e cronologico dal più recente al più datato, via a corsi di formazione, convegni, eccetera.

4. La formazione individuale nel curriculum

La formazione individuale nel curriculum . Sempre tenendo il medesimo schema (data di inizio e di fine, istituto formativo e luogo) dal più recente al più datato, indicate la vostra formazione individuale come stage o tirocini (se non li avete già inseriti prima), qualifiche professionali, abilitazioni o iscrizioni ad albi, diplomi o laurea, indicando sempre votazioni, argomento della tesi e relatore.

5. Pubblicazioni nel curriculum

Pubblicazioni nel curriculum . Se avete alcune pubblicazioni su argomenti specifici sul ruolo da ricoprire non esitate a scriverle, fornendo i dati di reperimento o rendendovi disponibili a farglieli avere.

6. Interessi nel curriculum

Interessi nel curriculum . Indicate senza remore i vostri interessi (comunque leciti e non imbarazzanti), ma anche se avete svolto incarichi in associazioni, cooperative o se, semplicemente, siete appassionati di qualcosa.

7. Conoscenze linguistiche nel curriculum

Conoscenze linguistiche nel curriculum . Inserite le vostre conoscenze linguistiche, anche coi livelli CEFR, purché siate chiari e spiegate il vostro esatto livello di comprensione, parlato e produzione scritta della lingua. L’esaminatore può non essere al corrente della classificazione CEFR.

8. Conoscenze informatiche e tecniche nel curriculum

Conoscenze informatiche e tecniche nel curriculum . Se avete la patente europea o se conoscete un programma o uno strumento, dichiaratelo e scrivete tra parentesi la vostra conoscenza su di esso, senza troppi discorsi: ad esempio, se sapete usare Excel, scrivete Excel (elevata) o (media) oppure (base). Non mentite mai, altrimenti la figuraccia è dietro l’angolo.

Come scrivere il curriculum perfetto seconda parte

Come scrivere il curriculum perfetto seconda parte – foto di Chilean Desert Monster – CC BY-NC-ND 2.0

La firma sul curriculum

La firma sul curriculum . Spesso la firma non è necessaria, anzi è quasi sconsigliata, mentre è necessario autorizzare il trattamento dei vostri dati personali.

E così siamo arrivati alla fine di questi piccoli consigli, che spero vi saranno utili. Come già detto il curriculum perfetto non esiste, così come il colloquio di lavoro perfetto, tuttavia è bene conoscere qualche trucco e donare qualche consiglio a chi si trova a confrontarsi con il mondo del lavoro che spesso è una vera e propria giungla e dove non si è preparati a causa di croniche disfunzioni a livello di formazione.

Sperando di esservi stato di aiuto, vi auguro buon lavoro!

© Riproduzione riservata. Il presente articolo può essere riprodotto soltanto in parte ed esclusivamente con il consenso della Direzione del blog: potete chiedere specifica autorizzazione scrivendo un commento a fondo pagina, a cui sarà data risposta in tempi brevi. Se l’autorizzazione sarà concessa, è obbligo per il richiedente citare la fonte e l’indirizzo internet dell’articolo.

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

No comments yet.

Lascia un commento