Crea sito

Menu cellulare

Frasi Tagore

Frasi Tagore

Frasi Tagore

Frasi Tagore

Frasi Tagore

Frasi Tagore

Se questa immagine ti piace, condividila per cortesia sui social network e metti mi piace alla nostra pagina Facebook (clicca qui)

Non ti costa nulla e ci aiuterai a farci conoscere! Grazie!

Frasi Tagore

Ogni mattina il mio devoto cane

presso la sedia silenzioso aspetta,

finché io lo saluto con una carezza.

Mentre questo leggero omaggio riceve,

di gioia il suo corpo trasale.

Fra tutte le creature mute,

lui solo, penetrando il velo del bene e del male,

ha visto l’uomo per intero,

quell’essere per cui può dare la vita contento,

al quale senza fini può riversare amore,

da un opaco sentire che a stento

trova una via verso il mondo cosciente.

Quando l’offerta vedo di questo cuore muto

che supplicare sa del suo stesso bisogno,

non so immaginare quale raro valore

la sua saggezza pura trova nell’uomo.

Col suo silenzio guardare,

patetico, smarrito, che afferra

non può esprimere in parole…

Per me però rivela il vero significato

dell’Uomo, nello schema del Creato.

Rabindranath Tagore

Rabindranath Tagore, chiamato talvolta anche con il titolo di Gurudev, è il nome anglicizzato di Rabíndranáth Thákhur (Calcutta, 6 maggio 1861 – Santi Neketan, 7 agosto 1941), è stato un poeta, drammaturgo, scrittore e filosofo indiano.

Poeta, prosatore, drammaturgo e filosofo indiano di lingua bengalese, nacque il 6 maggio del 1861 nell’antica residenza famigliare di Jorasanko, a Calcutta, da una famiglia appartenente ad una elevata aristocrazia che svolse un ruolo importante nella vita culturale, artistica, religiosa e politica del Bengala.

Mentre Gandhi, con la disobbedienza civile, organizzò il nazionalismo indiano sino a ricacciare in mare gli inglesi, Tagore si impegnò a creare una “nuova India”, moderna ed indipendente; egli si proponeva di conciliare la cultura occidentale con quella orientale: era un profondo conoscitore della lingua inglese, e tradusse lui stesso le sue opere in inglese.

Figlio di un ricco bramino, studiò nel Regno Unito dove anglicizzò il proprio cognome (Thakhur).

Tornato in patria, egli si dedicò all’amministrazione delle sue terre e ad ogni forma d’arte.

In liriche destinate al canto, che egli stesso musicò e tradusse in inglese (Offerta di canto, 1913), in lavori teatrali ricchi d’intermezzi lirici (La vendetta della natura, 1884), in romanzi (Il naufragio, 1906), in novelle, memorie, saggi e conferenze Tagore affermò il proprio amore per la natura e per Dio, le proprie aspirazioni di fratellanza umana, la propria passione (anche erotica), l’attrattiva della fanciullezza.

Tagore cantò il divino immanente nella natura, richiamandosi alla tradizione filosofico-religiosa dell’India: egli è il poeta del panteismo upanisadico.

Inno nazionale del Bangladesh

Dalla sua canzone Amar Shonar Bangla è stato tratto l’inno nazionale del Bangladesh.

Esercitò un enorme fascino anche sul mondo occidentale, che lo premiò col Premio Nobel per la letteratura nel 1913. Fu il primo Nobel letterario non occidentale nella storia del premio. Creò una scuola d’arte e di vita, La Visva Bharati University, che portò avanti fino alla fine della sua vita. Tagore è stato tradotto praticamente in tutte le lingue europee risultando forse l’autore di origini bengalesi più noto in Occidente. Le sue opere sono state pure, quasi tutte, tradotte in italiano. Inoltre fece costruire strade, ospedali e anche una scuola, la quale è a tutt’oggi un’università.

Fonte: Wikipedia

Iscriviti alla newsletter se vuoi rimanere aggiornata/o!

Buona Vita!

© Riproduzione riservata. Il presente articolo può essere riprodotto soltanto in parte ed esclusivamente con il consenso della Direzione del blog. Potete chiedere specifica autorizzazione scrivendo un commento a fondo pagina, a cui sarà data risposta in tempi brevi. Se l’autorizzazione sarà concessa, è obbligo per il richiedente citare la fonte e l’indirizzo internet dell’articolo.

, , , , , , , ,

No comments yet.

Lascia un commento