Crea sito

Menu cellulare

Vegliate perché non sapete quando è il momento

Vegliate perché non sapete quando è il momento

Vegliate perché non sapete quando è il momento

Vegliate perché non sapete quando è il momento

Vegliate perché non sapete quando è il momento

Se questo articolo ti piace, condividilo per cortesia sui social network e metti mi piace alla nostra pagina Facebook (clicca qui).

La nostra rubrica “La Fede per negati” continua con un nuovo brano del Vangelo. Una rubrica sulla Fede vista da un profano, laico e inesperto che si approccia alla religione cristiana e cattolica con occhi normali, anche critici, e la confronta con la realtà di tutti i giorni.

I temi trattati non sono frutto di una persona di Chiesa e quindi chiedo pazienza ma anche correzioni di natura teologica se, a volte, potrò sbagliare.

Se sbaglio, mi corrigerete, riprendendo una delle frasi più famose di Papa Wojtila.

Invito sacerdoti o uomini di Chiesa a dare spunti interessanti a quanto scriverò.

Il Vangelo secondo Marco (13, 33 -37) ci dice che il Signore è come un uomo che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vigilare. Egli tornerà all’improvviso e dobbiamo vegliare per non farci trovare addormentati.

Gli uomini sono amministratori di questo mondo e non i padroni.

Detto questo, si potrebbe aprire una discussione infinita sull’autodeterminismo degli uomini, ma invito i lettori a riprendere gli scritti del Papa Emerito Ratzinger sul tema.

Vegliate perché non sapete quando è il momento

Vegliate perché non sapete quando è il momento

Io mi limiterò ad alcune considerazioni da semplice e ignorante cristiano e cittadino di questo mondo.

Siamo amministratori. Dio ci ha donato questa terra e ha dato a ciascuno il nostro compito.

Ognuno di noi deve chiedersi quale è il suo compito ogni giorno.

Non credete che dobbiamo fare chissà che cosa per adempiere al suo compito.

A volte basta avere cura del nostro stesso ambiente, magari non gettando la spazzatura dove capita, oppure la cicca della sigaretta o il chewingum per terra, magari non prendendo l’auto o lo scooter per fare 100 metri, magari non sprecando carta o cibo o acqua per lavarci. Già questo è un bel compito per salvare il nostro pianeta. E se lo facessimo tutti, si vivrebbe tutti meglio.

Ma Dio ha lasciato tanti altri compiti e Gesù ci ha detto che cosa dobbiamo fare, perché un giorno, non si sa quando, ci verrà chiesto cosa ne abbiamo fatto di questa terra e di noi stessi.

E le profezie ?

Non ci sono profezie sulla fine del mondo e non si sa se Dio ci chiederà il conto se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino.

Sappiamo solo che dobbiamo vegliare e non trovarci addormentati nelle nostre cose.

Cosa vuol dire vegliare ?

Vuol dire essere vigili, sfruttare i nostri talenti per il bene comune, non obnubilarci di falsi obiettivi e di false ambizioni, non distrarci né rimanere inermi e assopiti contro il male.

Abbiamo un compito e dobbiamo capire che il mondo non è nostro e siamo tutti sulla stessa barca.

Iscriviti alla newsletter se vuoi rimanere aggiornata/o!

Buona Vita!

© Copyright Sorridi alla Vita – In Vita Veritas (http://invitaveritas.altervista.org )

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

No comments yet.

Lascia un commento