Crea sito

Menu cellulare

Come riciclare i fondi del caffè

Come riciclare i fondi del caffè

“Come riciclare i fondi del caffè” Come riciclare i fondi del caffè

Come riciclare i fondi del caffè

Il caffè è diventato un must, un rito per gli italiani. Dalla colazione alla pausa pranzo e al dopo cena è un compagno di viaggio al quale raramente rinunciamo. Ormai il caffè fa parte del nostro DNA.

Ma avete mai pensato a come riciclare i fondi del caffè ?

Se cucinate il pesce e le vostre pentole rimangono impregnate da un fastidioso odore, allora lavatele e sfregatele con i fondi del caffè. risciacquate e l’odore se ne andrà come per magia.

Anche gli odori nel frigorifero possono scomparire se lasciate al suo interno una ciotola con i fondi del caffè.

Se poi notate macchie difficili sui vostri mobili, con un panno umido intinto nei vostri fondi, strofinate con delicatezza la zona interessata e verrà presto pulita.

Sapete che i fondi del caffè servono anche per far scappare le api?

Lasciate asciugare i fondi, poi metteteli in una carta stagnola e date fuoco. Il fumo che si sprigionerà farà fuggire le api.

Sapete poi che i fondi del caffè, messi sempre nella stagnola e dati a fuoco, aiutano ad eliminare gli odori dal frigorifero, soprattutto se avete avuto la spiacevole sorpresa, dopo una vacanza, di trovare puzza in casa a causa del scongelamento della carne.

Un altro utilizzo dei fondi è per la cura delle mani. I fondi sono ottimi per sgrassare le mani dopo aver cucinato e pulito la casa. Sfregateli sulla pelle, poi lavate con acqua calda e poco sapone.

I fondi del caffè sono anche un toccasana per la cellulite. Come?

Seguiti i consigli nella foto e sarete più belle e toniche!

Iscriviti alla newsletter se vuoi rimanere aggiornata/o!

Se questa istruzione ti è piaciuta condividila sui social network e metti mi piace alla nostra pagina Facebook (clicca qui)

Buona Vita!

© Copyright Sorridi alla Vita – In Vita Veritas

( http://invitaveritas.altervista.org )

, , , , , , , , , , , , , , , , ,

No comments yet.

Lascia un commento