Crea sito

Menu cellulare

Fiabe brevi Re vanesio

Fiabe brevi Re vanesio

Fiabe brevi Re vanesio

Fiaba Re vanesio – Foto di jason train – CC BY 2.0

Fiabe brevi Re vanesio

Fiabe brevi Re vanesio

Se questa favola ti piace, condividila per cortesia sui social network e metti mi piace alla nostra pagina Facebook (clicca qui).

Le migliori fiabe e favole per bambini

Favole per i bambini che belle! Chi non ha un figlio o un nipotino a cui volere bene, oppure piccoli angeli da tenere a bada a casa o a scuola. Spesso i bambini però hanno bisogno di sentire storie, favole e fiabe, ma anche leggende o racconti. E diciamoci la verità, ben pochi le conoscono.

Noi abbiamo perciò selezionato le migliori fiabe e fiabe per bambini, classiche e moderne. Molte di queste favole sono tramandate di generazione in generazione e sicuramente piaceranno ai vostri figli perché sono facili, brevi e con una morale.

Eccovene un paio con una bella morale.

Se ti sei perse le altre guarda la pagina Favole per bambini .

Perché il mare è salato

C’era una volta in Danimarca, lassù nel nord dell’Europa, un re che possedeva due macine magiche. Erano così pesanti che nessuno poteva usarle. Il loro potere consisteva nel poter materializzare qualsiasi cosa il re desiderasse.

Un giorno un re vicino, il re di Svezia, gli regalò due gigantesse, belle, alti e forti, che potevano produrre qualsiasi cosa.

Il re di Danimarca ordinò allora alle gigantesse di usare le pesanti macine magiche e di produrre oro, argento, pace e gioia.

Dopo giorni di duro lavoro, tuttavia, le gigantesse ormai provate dal duro lavoro dissero:

“Sire, abbia pietà di noi, siamo stanche. Abbiamo prodotto tanto per la sua ricchezza e ora desideriamo soltanto un giorno di riposo.”

Il re fu inamovibile.

“Continuerete a lavorare per me” disse.

Le gigantesse allora decisero di vendicarsi e cominciarono a produrre soldati per i nemici del re. Arrivò il giorno che gli avversari del re invasero la Danimarca e si impadronirono delle macine magiche.

I soldati nemici avevano bisogno di molto sale nella loro terra, così, mentre attraversavano il mare per tornare in patria, ordinarono alle gigantesse di produrlo in grosse quantità.

Le gigantesse si misero a lavorare e continuarono a lavorare per ore, mentre i soldati non si preoccuparono del peso del sale che veniva prodotto. La nave cominciò ad affondare e sprofondò negli abissi.

Negli abissi, le gigantesse continuarono a produrre il sale e lo producono tuttora.

Fiabe brevi Re vanesio

Fiabe brevi Re vanesio

Fiabe brevi Re vanesio – Foto di ecv5 – CC BY-NC-ND 2.0

Il re vanesio

C’era una volta un contadino con tre figli. Un giorno arrivò una notizia importante.

Il re avrebbe dato la propria figlia in sposa a chi avesse raccontato una storia fantastica a cui il re non avrebbe creduto.

Il figlio maggiore del contadino, Peter, incuriosito e desideroso di sposare la bella figlia del re, prese il proprio fagotto e si mise in viaggio verso il castello del re.

Una volta giunto a destinazione, Peter si fece ricevere a corte e, salutato il re con tutti gli onori, cominciò a raccontare la sua storia.

“Mio padre ha un campo” disse.

“Ti credo” disse il re.

“Una volta il letame ha fermentato talmente tanto da non potere stare più nel cortile a causa della puzza. Allora mio padre ci ha ordinato di portarlo nel campo. Per due settimane lo abbiamo spalato e lavorato, poi ci siamo accorti dell’errore. Lo avevamo messo nel campo del vicino” continuò Peter.

“Ti credo” aggiunse il re.

Peter fece un sorriso e continuò la storia.

“Poi comprammo un branco dei migliori maiali, belli e grassi e…” rivolto al re “tuo nonno lavorò come guardiano dei porci.”

Il re si alzò dal trono e urlò.

“Non ti credo, infame! Menti!”

Peter sorrise.

Il re si sedette sul trono, si ricordò della promessa e concesse a Peter di sposare la principessa.

Sperando di esservi stati di aiuto, vi auguriamo una buona lettura e una buona notte per i vostri bambini!

© Riproduzione riservata. Il presente articolo può essere riprodotto soltanto in parte ed esclusivamente con il consenso della Direzione del blog. Potete chiedere specifica autorizzazione scrivendo un commento a fondo pagina, a cui sarà data risposta in tempi brevi. Se l’autorizzazione sarà concessa, è obbligo per il richiedente citare la fonte e l’indirizzo internet dell’articolo.

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

No comments yet.

Lascia un commento